La gente e i costumi

Gli abitanti dell'Istria sono sempre stati degli agricoltori e possiamo stabilire a quale precisa attività si dedicassero, osservando semplicemente la configurazione del terreno delle aree in cui vivevano.

Sui monti della Cicciaria l'Istriano era modesto pastore, lo testimoniano innumerevoli proverbi popolari: Ovaca bez pastira ne da ni mlika ni sira/Le pecore senza pastore non danno nè latte nè formaggio/Ki čuva ovcu, čuva i vunu/Chi bada al gregge, bada alla lana/. Nel cuore del nostro piccolo universo domina la terra grigia, dura da lavorare, ma generosa. È proprio essa che ha fatto nascere l'Istriano aratore. L'Istria sudoccidentale, con la sua terra color rosso cupo, è la patria di capacissimi viticoltori, è il regno della malvasia, mentre lungo la costa si è sempre pescato e si è sempre vissuto di pesca: Ki spi, ribe ne lovi/Chi dorme non piglia pesci/.

Di più

Riconoscimenti internazionali alla regione dell'Istria

  • 10 Best Wine Travel Destinations 2015

  • World's 2nd Best Olive Oil Region 2010 - 2015

  • Top 10 Valentine's Day Retreats 2014

  • Best Wine Regions for Winter and Spring Travel 2014

  • Best Beach Holiday Destination 2013

  • Istria Top Summer Food Destination 2013

Oltre alla vasta copertura mediatica in riviste come National Geographic e Huffington Post, e nelle guide turistiche di fama mondiale come Lonely Planet, i giornalisti internazionali e i tour operator continuano a lodare l’Istria e la sua offerta, classificandola tra le migliori destinazioni turistiche del mondo.

Prenotazioni