ISTRA INFO COVID-19 X  

Comunicati stampa

Nuovi hotel boutique tematici

Offerta di lusso nella valle del fiume Mirna - Quieto


Se diamo un’occhiata all’Istria negli ultimi venti anni, raccogliamo le informazioni chiave sul suo sviluppo turistico e, come criterio, ci concentriamo sulla media e piccola imprenditoria, possiamo dire che la regione dell'Istria nord-occidentale abbia fatto la differenza in termini di qualità. Tale differenza è ancora più evidente nell’area intorno alla foce del fiume Quieto, a nord fino al confine con la Slovenia, e a est fino a Buzet - Pinguente e i suoi dintorni. In un'area geografica così piccola, troviamo un numero incredibile di punti d’interesse che ci consente di definire tranquillamente quest’area un micro-continente.

Sono stati fatti grandi sforzi nella rivitalizzazione di piccole città medievali, sono stati progettati vigneti e uliveti, ma la più grande differenza si riscontra nella gente che, grazie alla tenacia e agli investimenti nella formazione e nell'istruzione, cercando e creando la propria identità, ha elevato, con le sue conoscenze e abilità, la reputazione dell’area in cui vive e lavora.

Oggi, senza troppe analisi, risulta ovvio che il maggior numero di eccellenti ristoranti, le migliori trattorie, i sorprendenti agriturismi, le imponenti cantine, i frantoi-boutique e le splendide ville con probabilmente le più belle viste panoramiche dell'Istria sia emerso proprio in quest’area, che è stata anche la prima ad aprire piccoli hotel a conduzione familiare. Alla luce di ciò, non è raro che in questa zona, specie nella sua parte centrale, cioè quando si lascia la costa e si raggiunge l'interno, la stagione duri quasi tutto l'anno, e che i "luoghi più desolati" e impossibili da trovare sulla mappa siano sempre visitati, sia quando piove e fa freddo, sia quando fa molto caldo in estate... Inoltre, quando alla fine dell'anno esaminiamo tutti i comunicati stampa dell’Ente per il Turismo dell’Istria, tramite le loro agenzie di PR, quest'area occupa meritatamente gran parte dello spazio sui media.

Con l'aumento del numero di manifestazioni, nuovi prodotti e nuove esperienze, in quest'area ristretta oggi è apparsa, grazie a investimenti significativi, una serie di nuovi piccoli hotel a conduzione familiare e hotel boutique, classificati come lifestyle boutique hotel o wine hotel.

Il resort birreria e spa San Servolo, aperto a Buje - Buie all’inizio del 2018, ha già trovato i suoi appassionati, mentre nel mezzo dell'estate ha aperto le sue porte il wine hotel della famiglia Cattunar a Nova Vas, vicino a Brtonigla - Verteneglio. Tra breve dovrebbero unirsi il wine hotel del vignaiolo istriano Mladen Rožanić, il Roxanich Heritage Wine Hotel a Motovun - Montona, l'hotel San Canzian a Donji Mušolini, e lo Stancija Baracija, che si estende alla cantina Clai nel villaggio di Brajki, vicino a Krasica, nei dintorni di Buje - Buie. L’inaugurazione dell’hotel Silvester, di un investitore austriaco, nelle vicinanze di Oprtalj - Portole, è prevista per il 2020.

Tutti gli alberghi dovrebbero restare aperti durante tutto l’anno, poiché quest’area della valle del fiume Quieto è molto dinamica in senso turistico. A livello annuale, l’area produce la maggior parte di nuovi prodotti, servizi, manifestazioni ed esperienze, e non sorprende che proprio qui venga registrato il maggior numero di cosiddetti repeating guest, ossia coloro che ritornano costantemente e conferiscono alla destinazione un nuovo significato.


Felice Giornata del Turismo

Tre stelle Michelin per la Croazia

Suggested measures to decrease the risk of spread of coronavirus

Aperto la nuova ACI marina rovignese

I segreti delle stelle Michelin e dei migliori alberghi

Mostra