Chefs and Lecturers

Chef Kotaro Noda


Bistrot 64, Michelin*
Roma
www.bistrot64.it


» IGF 2019 Masterclass: Gluten-free and gourmet cuisine

History of a potato spaghetto with butter and anchovies


Noda Kotaro, Giapponese e laureato in marketing.
Incontra la cucina italiana con Gualtiero Marchesi a Kobe, sotto la guida di un giovane Enrico Crippa.

Tra le sue esperienze in Italia più importanti degli esordi l’Enoteca Pinchiorri di Firenze e il St. Hubertus Rosa Alpina.
Seguono poi L’Enoteca La Torre di Viterbo, dove conquista nel 2010 una stella Michelin, e il Magnolia del Jumeirah Grand Hotel Via Veneto di Roma dove consegue le due forchette del Gambero Rosso.

Noma e Geranium a Copenaghen le esperienze prima di tornare in Italia, nuovamente a Roma dove nel 2014 prende la guida della cucina di Bistrot64, qui nel 2017 conquista di nuovo la stella Michelin.
Attualmente è executive chef di Faro a Ginza Tokyo ed è proprietario e chef di Bistrot64.


B i s t r o t 6 4
Bistort64 è un ristorante nel quartiere Flaminio, tra il museo Maxxi e l’Audiotorim Parco della Musica, vive in una zona dalle grandi strutture architettoniche contemporanee. Non distante dal centro della città, è appartato nella sua locazione oltre che nei suoi ambienti. Dagli interni caldi ed essenziali, è il tipico neobistrot che parla il linguaggio dell’intenazionalità gastronomica. Tavoli in marmo senza tovaglia, luci calde, legno e colori tenui.

L’identità del locale gourmet e stellato sposa l’immagine accogliente del salotto di casa, per una serata da vivere in un ambiente confortevole ma non carico ed eccessivamente elegante. Un servizio di altissimo livello accompagna e veicola la cucina essenziale e minimale dello chef Noda Kotaro. I menu sono elaborati dallo chef stagionalmente secondo il suo stile di cucina, sostanzialmente Italiana e gourmet ma con un sostrato di tecnica e conoscenza Giapponese.

Nei piatti l’estetica dalle linee essenziali racchiude sapori puliti senza troppe contaminazioni, il tutto è frutto di una netta idea di cucina ma anche di un’attenta ricerca fatta sulla materia prima del territorio.


Spaghetto di patate burro e alici
La storia del piatto iconico di chef Noda Kotaro è quella di un condimento semplice come quello burro e alici che incontra le patate trafilate a mò di spaghetto. L’idea era quella di proporre un piatto gluten free senza acquistare paste commerciali o comprate al supermercato, da qui la patata, cotta non in acqua in ebollizione come si farebbe con un semplice spaghetto ma spadellata direttamente con il burro in padella. Piatto sapido grazie alla colatura di alici e croccante grazie al rifinimento di patate fritte e ravanelli. Nel novembre 2017 dopo la vittoria al Taste of Roma lo spaghetto di patate si aggiudica il primo premio anche alla competizione mondiale di Abu Dhabi Taste the World.

Show