Top news

I portoghesi entusiasti dei vini e dell'olio d'oliva istriano

Durante la masterclass di due giorni nel comune portoghese di Ourém, l'Istria ha confermato il suo status di destinazione vinicola e olivicola

Con la degustazione degli oli extra vergini d'oliva dell'Istria e del Portogallo, il 27 ottobre nell'Ourém portoghese, si è conclusa la masterclass di due giorni nell'ambito del festival ART&TUR. In termini sportivi, è stata una partita di ritorno dopo la masterclass tenutasi all'inizio del mese al TourFilm Festival di Zagabria, dove sono state presentate, con l'organizzazione di Vinistra e con il sostegno dell'Ente turistico dell'Istria, le premiate malvasie, vini teran e oli extravergini di oliva.

Durante il primo giorno della masterclass, il famoso sommelier Emil Perdec ha presentato tre vini al pubblico portoghese. La sequenza istriana è iniziata con lo spumante Festigia Blanc de Moi Brut (Vini Laguna), di gusto asciutto ed elegante, perlage morbido e fine. Susseguito dalla Malvazija Santa Lucia del 2017 invecchiata (vini Kozlović), raffinata, multistrato, con un corpo finemente rotondo e una consistenza cremosa, perfettamente matura, con un finale lungo e ricco, dopo, il potente Teran Il Primo del 2018 (Vini Fakin), dal corpo pieno e deciso con profumo e sapore di frutti di bosco, bello, finemente rotondo, ideale per l'invecchiamento.

Come regione olivicola, l'Istria si è presentata con la piccante Istarska bjelica 2022 Ipša, l'intenso Izbor buža 2021 Meneghetti e l'eccellente Aurum blend del 2021 Salvela.

"È stata una bella esperienza degustare e confrontare parallelamente vini portoghesi e istriani. I vini si abbinavano benissimo insieme e si completavano a vicenda poiché i vini portoghesi sono stati di una struttura più leggera e delicata di quelli istriani. E anche gli oli d'oliva erano una buona combinazione. Sia gli istriani che i portoghesi scelsero due varietà singole, mentre la terza era un blend di più varietà. Quello di Ipša è stato il più vivace e giocoso considerando che è del 2022, e il Fátima Blend portoghese del 2021 è stato il più specifico e insolito, proviene dalle vicinanze di Ourému da Fatima, famoso santuario mariano", ha dichiarato Emil Perdec.

La sua collega portoghese, la sommelier Bebiana Monteiro, concordò con il sommelier istriano: "È un'esperienza davvero speciale unire due paesi e conoscere i vini istriani". Anche se condividano alcune caratteristiche comuni nella produzione, i vini sono diversi ed è molto importante per gli amanti del vino scoprire e comprendere queste differenze".

I portoghesi hanno promosso la regione vinicola della Bairrada con lo spumante Aliança Baga Reserva Blanc de Noir Bruto 2019, il vino bianco São Domingos Maria Gomes & Bical 2021 e il rosso Messias Tradição Baga 2018, mentre con gli oli d'oliva Cabeço das Nogueiras Premium Cornicabra 2021, Cabeço das Nogueiras Cobrançosa 2021 e Fátima Blend 2021 si è presentato il Portogallo centrale.

I laboratori come le masterclass tenute, sono un'occasione perfetta per promuovere i vini istriani, e i portoghesi che ci hanno ospitati hanno confermato ancora una volta l'eccezionale potenziale delle nostre varietà autoctone Malvasia e Teran sui mercati esteri.


Forbes.com: 10 Favourite Restaurants Of 2022

In aereo da Zurigo a Pola durante l’inverno

Trovate l'ispirazione per weekend invernali in Istria

L'Istria presentata presso il Mudec

Il Times ha selezionato i migliori itinerari gourmet autunnali

The Times: Best things to do

Golf Adriatic nell'esclusiva élite del golf: PGA National

Esplora l'Istria autentica: piattaforma di prenotazione To Do in Istria

Decanter ha pubblicato il più grande inserto sulla Croazia di sempre, Istria in focus

Mostra