ISTRA INFO COVID-19 X  

L'Istria nelle guide gastronomiche

Flos Olei

Flos Olei 2022

L'Istria è di nuovo la migliore regione al mondo per l'olio extravergine d’oliva

I risultati per il 2022 dell'unica guida al mondo sugli oli extravergine di oliva, Flos Olei, sono ottimi anche questa volta per l'Istria e i suoi olivicoltori: 66 olivicoltori istriani hanno infatti prodotto olio extravergine d’oliva di altissima qualità, meritandosi un prestigioso riconoscimento, ossia l'inclusione nella tredicesima edizione di Flos Olei.

Per il 2022 l'Istria si fregia ancora una volta del titolo di regione con la più alta qualità al mondo per gli oli extravergine d’oliva, per la settima volta consecutiva in una straordinaria sequenza vincente. Si tratta di un risultato particolarmente importante, poiché la pubblicazione contiene oli provenienti da tutto il mondo: 55 Paesi di 5 continenti. Gli olivicoltori istriani si trovano in compagnia dei migliori 500, con una quota totale del 13%.

Nella nuova edizione della cosiddetta bibbia degli oli extravergine d’oliva sono inclusi 67 oli croati, di cui 66 dell’Istria e uno della Dalmazia. Allo stesso tempo, un gran numero di olivicoltori istriani ha ottenuto risultati migliori rispetto allo scorso anno, il che conferma un grande lavoro per aumentare la qualità del prodotto e l'applicazione delle più recenti conquiste scientifiche e tecnologiche nell'olivicoltura.

Il successo degli olivicoltori istriani non è casuale, ma, grazie a condizioni agro-climatiche favorevoli, è il risultato di numerose politiche agricole della Regione istriana negli ultimi 25 anni. Con le conoscenze acquisite, la tecnologia dell'olivicoltura e il tempo di raccolta sono completamente cambiati e i grandi investimenti degli olivicoltori istriani con il sostegno della Regione istriana hanno portato a contare oltre 30 frantoi tecnologicamente avanzati in Istria, dove le olive raccolte a mano sono trasformate in olio nel corso della stessa giornata. Grandi investimenti e conoscenze hanno riguardato anche la preparazione degli oli per il mercato. Tutto questo ha portato inoltre alla tutela dell'olio extravergine d’oliva "Istra" con la denominazione di origine protetta a livello UE. Il marchio di denominazione d’origine garantisce a ogni consumatore che tutte le fasi di produzione, lavorazione, stoccaggio e imbottigliamento si svolgano in Istria.

L'Istria ha assunto un ruolo importante sin dalla prima edizione della guida, nel 2010, quando si è posizionata come seconda migliore regione olivicola, appena dietro la Toscana. Tuttavia, ogni anno il vantaggio della Toscana si è assottigliato e, nel 2016, l'Istria ha conquistato la posizione di leader, che ha mantenuto fino ad oggi, ma con una differenza notevolmente maggiore rispetto a quella che la Toscana aveva in precedenza. Nella guida per il 2022, la Toscana si è avvicinata molto all'Istria, con 65 olivicoltori, e anche la regione Puglia con 51 olivicoltori inclusi nella guida ha ottenuto ottimi risultati.

Alla valutazione partecipano fino a mille campioni di tutto il mondo, fra cui, dopo la degustazione di una giuria di assaggiatori professionisti, vengono selezionati i 500 migliori. Quest'anno tra di essi figuravano 66 oli dell'Istria, un numero davvero impressionante.

I punti clou del 2022:
• Per il settimo anno consecutivo, l'Istria è la migliore al mondo
• Franko Červar di Novigrad/Cittanova è il migliore nella categoria degli oli monovarietali di fruttato medio
• Per la prima volta un olio dell'Istria ha ricevuto 99 punti: è l’Olio Mate
• Su 79 campioni presentati, 66 olivicoltori dell'Istria sono stati inclusi nell'edizione per il 2022
• Tra i 500 migliori al mondo, ben 66 oli extravergine d’oliva sono istriani: un incredibile 13%
• L'Istria vanta più oli extravergine d’oliva inclusi nella guida rispetto alla superpotenza Spagna, il maggiore produttore mondiale, che, per le sue dimensioni, è divisa in 11 grandi regioni olivicole (la Spagna conta un totale di 59 olivicoltori inclusi nella guida)
• Per la terza volta consecutiva, ben due olivicoltori hanno conquistato 98 punti: Ipša e Olea BB
• 17 olivicoltori istriani sono inclusi nella classe extra con oltre 94 punti

 

Mostra